Per associazioni rizomatiche di suggestioni:

Un concorso letterario dal titolo “Una storia sbagliata”, da una canzone di De André, visto il bando tempo fa. Canzone scritta in riferimento a Pasolini e sue ombre sessuali. Possibilità di contestualizzare una storia di pedofilia padre-figlio, oppure altro, dove abominevole deviazione viene focalizzata dal punto di vista squisitamente patologico-clinico, oggettivandone l’inumanità e riconoscendone la possibilità nell’umano. Mistero di poesia compromessa con abominio. Pedofilo come “affetto da pedofilia”. Indagine psichica a-morale, eminentemente dissociata da giudizi di coscienza, occhio scientifico e intento di guardare negli occhi il Mostro. Pedofilia come appropriazione violenta, nella volontà di potenza, della progenie (della propria parte più vitale). Tieste e Pasolini-Poeta-Pederasta. Non giustificazione. Tentativo di eviscerazione della realtà per quanto la più orribile.

Tema forte, spinoso, difficile. Nel momento mi sembra però potenziale. Parliamone.