(rivisto 6.6.7 ore 17,40).
Ecco il testo, allego una prova immagine. Si tratta di una prova di didascalia al progetto / pigotte di Cecilia.

Il corpo questi personaggi del mito è tipografico, arriva a noi attraverso abiti letterari che nascondono le origini cultuali, simboliche e allegoriche delle efferate azioni raccontate. Pure, è impossibile non soffermarsi, nella lettura e nell’interpretazione, su questi ragazzi mitologici e sulle atrocità compiute, sull’uso strumentale del loro essere e delle loro sofferenze. Pelope, i figli di Tieste, Ifigenia: deliberate violenze per servire obiettivi “adulti”, cioè insensati, malati, perversi.

Perché la parola “adulto” si usa oggi solo nella frase “per adulti”?

exploitation.jpg