Gli aerei stanno al cielo come le navi al mare…

Eredito un dibattito dal thread di un post su forzaelettromotrice.
Se ancora non si capisce cosa sto scrivendo, siete persone normali e simpatiche.

In quel dibattito si discute, fra le altre cose, sul ruolo dei testi nelle canzoni. Le posizioni sono diverse.

Premetto: A me il dibattito sulla canzone interessa molto.

  • Mi interessa perché una meravigliosa forma poetica si chiama canzone, e perché molte forme di poesia antica che leggo erano anticamente cantate, o quasi* (asterisco).
  • Mi interessa poi perché mi trovo a condividere sia la posizione del Sergente che quella di Teste Pensanti, a volte perfino contemporaneamente.
  • Parte dell’interesse mi viene perché penso al teatro. Da Platone in poi il teatro è il luogo delle rappresentazioni impure, riflesse: nel teatro uno che canta non è una canzone, è uno con una propria storia e propri motivi che canta una canzone. Il teatro è l’unico posto in cui «una rosa è una rosa è una rosa» non è vero. Nemmeno la poesia è poesia, a teatro. Figurarsi se la poesia può rimanere poesia riflessa, ripresa, diciamo usata, in una canzone. Ecco, il teatro e la canzone (dove con canzone intendo la musica con parole messa nei dischi, in italiano e no) sono media usativi.

Non so se io abbia una comprensione media, adatta, completa di una canzone di Simon & Garfunkel che si chiama Scarborough Fair; la mia comprensione di quella canzone (di quell’evento, perché la canzone è un evento artistico, non resta nella pagina) è aumentata di molto quando un bel manuale di chitarra folk mi ha spiegato che quella canzone è l’unione di due melodie separate (la seconda si chiama Canticle, se non sbaglio); è poi aumentata in misura e direzione diversa quando ho capito cos’è un cambric shirt e quale risultato importante aveva sortito l’unione di scarborough fair con canticle dal punto di vista del contenuto.

So anche che in realtà i testi sono visti da chi fa musica come un attachment, un’esperienza accessoria rispetto all’avere il motivo, la traccia o idea musicale, o il Quogs (quasi nessuno lo sa, ma quando Beethoven trovava l’idea per una sinfonia girellava smemorato dicendo «Ho il quogs, ho il quogs»).

Il testo della canzone è dunque parte di un’esperienza complessa, per cui il testo di Mellow Yellow con la banana elettrica sta molto bene dov’è, indipendentemente dal fatto che mi chieda se è infantile, allusivo, dadaista o che.

Io, questo volevo dire: che a me piacciono moltissime canzoni italiane, e mi piacciono per i loro testi. Non mi capiterà di dire che «sono poesia», e non perché farei torto alla poesia (chi sia poi la poesia, se Petrarca o Hölderlin o Valduga, … una no win situation, direbbe pulsatilla), ma proprio perché farei torto alla canzone.

* (asterisco) L’epica esametrica attribuita a Omero veniva eseguita in recitativo (una sorta di cantilena accompagnata dal suono di strumenti a corda come ad es. la cetra); la lirica si affidava analogamente a strumenti a corda su cui le poesie erano cantate – la parte della lirica chiamata elegia era invece cantata all’unisono col suono del flauto (un nome del flauto era élegos). La tragedia veniva eseguita con l’ausilio dell’aulo (aulòs), strumento ad ancia, e nel corso della tragedia il pubblico assisteva a canti all’unisono (stasimi) e a momenti in recitativo. Mi pare che la problematica della poesia antica giunta a noi senza la musica che la accompagnava sia strettamente analogo a quello della statuaria antica giunta a noi pressoché priva di colori.